Forex Trading: Il Movimento di Prezzo

A prescindere dal tipo di prodotto finanziario con il quale decidiamo di fare trading, non bisogna possedere capacità soprannaturali per prevedere l’andamento i mercati. Oggi esistono infatti diversi metodi per provare identificare i movimenti ciclici dei mercati e uno di questi consiste nel conoscere come misurare la lunghezza del movimento dei prezzi. Per compiere questa “impresa”, però, sarà necessario tenere a mente 3 regole importanti:

  • saper leggere i mercati e in particolare i livelli di supporto e resistenza;
  • avere pazienza per attendere l’attimo migliore per operare;
  • eseguire degli ordini in base ai livelli di prezzo stabiliti da noi e non da quelli che ci vengono “suggeriti” dai mercati.

Altra cosa da tenere a mente è l’analisi fondamentale e l’analisi tecnica. L’analisi fondamentale si concentra sul valore, mentre l’analisi tecnica si concentra sul prezzo ed il suo movimento. Il movimento del prezzo possiede delle peculiarità che i trader possono studiare per aiutarli nelle loro decisioni:

  • Trend (la persistenza nel muoversi in una determinata direzione).
  • Volatilità (entità delle sue fluttuazioni su base periodica).
  • Momentum – (il tasso della sua accelerazione e decelerazione).
  • Ciclo o Periodo – (la sua tendenza a muoversi in modelli ciclici, soprattutto nel mercato dei futures).
  • Forza del mercato – (il numero di transazioni che sostengono i suoi movimenti).
  • Supporto e Resistenza – (la sua tendenza a salire o scendere ad un certo livello e poi invertire il trend, ripetutamente).

movimento di prezzoGli analisti, che utilizzano il metodo tecnico di analisi dei mercati, hanno sviluppato una propria serie di indicatori, diversi da quelli utilizzati dagli analisti “fondamentali”. Questi indicatori sono utilizzati per misurare le proprietà di movimento dei prezzi. Fortunatamente per i trader “comuni” come noi, non è necessario mettere a punto degli strumenti propri. Avrete solo bisogno di imparare il loro funzionamento e come usarli. Perché, se avremo le conoscenze per quantificare l’esatto target del prezzo verso cui il trend si sta dirigendo, allora riusciremo anche ad evitare di commettere il grave errore di acquistare o di vendere ad un prezzo sbagliato.

Studio dei Grafici

In questo senso, sarà anche importante studiare i grafici forex spostandoci indietro anche di 10 anni utilizzando le medie mobili. In questo modo riusciamo a trovare la deviazione estrema sopra e sotto una determinata media mobile (tipo a 50 giorni). Tali grandi inversioni sopra o sotto la media mobile risultano essere valide in quasi l’80% dei casi: questi movimenti, nella maggior parte dei casi, equivalgono al doppio o a due volte e mezzo la distanza della media mobile.

Una volta che avremo creato un quadro statistico (che andrà aggiornato continuamente) con tutti gli estremi del prezzo che si verificano nell’arco di un mese, possiamo utilizzare questi dati sia come livelli di stop che come guida per prevedere in anticipo i movimenti principali dei trend.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *