Come Usare La Leva Finanziaria Nel Forex

leva finanziariaOggi, grazie alla diffusione di internet, chiunque può avere accesso al mondo della finanza. Ma questo non basta per fare trading con successo in un mercato come il forex, dove le compravendite hanno per oggetto delle quantità minime (o lotti) che comunque sono composte da un grosso quantitativo di valuta. Detto in questi termini, sembrerebbe che solo i grandi investitori avrebbero le disponibilità economiche per poter condurre operazioni del genere, mentre i piccoli risparmiatori ne sarebbero tagliati fuori. Un tempo era così, ma oggi non più. Questo problema viene infatti “aggirato” dal meccanismo della leva finanziaria, che consente di fare investimenti dall’altissimo controvalore anche avendo a disposizione un piccolo capitale. Se non ci fosse questo meccanismo, oggi il trading online non esisterebbe. O, per meglio dire, esisterebbe solo per gli investitori istituzionali o dalle grandi disponibilità economiche.

La Leva Finanziaria

Il nome “leva finanziaria” deriva dal concetto di “leva” utilizzato in fisica, ovvero sul come sia possibile sollevare un grosso peso facendo il minimo sforzo fisico. In ambito finanziario accade più o meno la stessa cosa: per muovere un grosso volume di valute, è sufficiente un controvalore molto inferiore. Ad esempio, con una leva 200:1, possiamo muovere ben € 20.000 con un deposito di soli € 200. Il motivo per cui i broker danno agli investitori questa possibilità è molto semplice: senza di esso, nessun loro cliente potrebbe operare nel Forex e quindi non guadagnerebbero nulla! La leva è quindi un meccanismo utile ad entrambe le parti.

Tuttavia, la leva finanziaria ha delle “controindicazioni”. Questa, infatti, non solo amplifica gli importi investiti ma, di conseguenza, anche le eventuali perdite. Anche se queste, ovviamente, non andranno mai oltre il capitale investito. In ambito forex, le variazioni percentuali giornaliere nel rapporto tra due valute sono sempre piccole. E una variazione percentuale così esigua, dal punto di vista di un investitore, si traduce in un guadagno sostanzioso solo se si investono somme ingenti. Ad esempio, se la variazione fosse dello 0,5% e l’investimento di € 2.000 (con leva 200:1), si avrebbe un guadagno (o una perdita) di soli € 10! Proprio per questo esiste la leva finanziaria, che ovviamente ha valore in un senso (profitto) o nell’altro (perdita).

Il Concetto di Margine

Dopo quanto detto, per ottenere dei profitti consistenti dovremo per forza utilizzare la leva finanziaria. Ad ogni modo, il vostro broker non opererà mai senza garantire la vostra solvibilità. E per questo motivo utilizza il margine, ovvero una quota del capitale investito che però non può essere utilizzato per fare delle operazioni, dal momento che viene messo “a garanzia” per aprire un trade. In poche parole, se apriamo un conto di € 200, non potremo effettivamente usare l’intera somma, in quanto una parte viene “bloccata” dal broker per tutelarsi da eventuali perdite.

Calcolo Del Margine

Il concetto di margine è inversamente proporzionale a quello di leva finanziaria: più il margine sarà alto, minore sarà la leva. La formula matematica per calcolare il margine è:

Margine (%) = 100/rapporto di leva

La formula per il calcolo del margine richiesto per ogni singolo trade è invece la seguente:

Margine richiesto = Prezzo corrente x Unità scambiate x Margine (in %)

Per capire meglio, facciamo un esempio pratico.

Ipotizziamo di aprire un conto di € 2000 e una leva di 100:1 per l’acquisto un minilotto da 10.000 euro su EUR/USD scambiati a 1,3500.

Allora il mio margine sarà 0,01 (ovvero 100/100 = 1%).

Per cui il mio margine sulla trade sarà = 1,3500 x 10000 x 1% = 135 euro

Questi 135 euro rappresentano quindi il margine, ovvero la parte del deposito che viene bloccata dal broker a garanzia di eventuali perdite. Ricordate che più posizioni si aprono contemporaneamente, maggiore sarà il margine complessivo che, di conseguenza, abbasserà il capitale effettivamente utilizzabile. Nel caso quest’ultimo dovesse arrivare a zero, scatterà la margin call e il broker chiuderà automaticamente la posizione o le posizioni aperte per evitare che il trader possa perdere più denaro di quanto ne abbia sul conto.

Conclusioni

La leva finanziaria è molto importante per fare trading perché ci consente di avere accesso al mercato del Forex e negoziare grandi volumi di valute con un capitale minimo. Ma, come abbiamo visto, può essere un’arma a doppio taglio per chi non sa come utilizzarla, perché si rischia di bruciare rapidamente tutto il capitale disponibile.

Sommario Recensione
Data Recensione
Articolo
Come Usare La Leva Finanziaria Nel Forex
Voto
51star1star1star1star1star

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

2 pensieri riguardo “Come Usare La Leva Finanziaria Nel Forex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *